• Scegli una Scuola...aperta al territorio
  • Scegli una Scuola... INCLUSIVA
  • Scegli una Scuola... IMPEGNATA NEL SOCIALE!
  • Scegli una scuola... IN SINERGIA CON LE ISTITUZIONI!
  • Scegli una scuola... EUROPEA!
  • Presentazione del libro Airone 1 (Secondo libro del Generale in pensione Antonio Cornacchia)
  • Strade d'Italia sceglie i luoghi della cultura
  • Incontro culturale con Rita Borsellino
  • Una lezione di qualità ad "Alto volume"!
prev next

 


 

L' I.T.E.T. “D. Alighieri" ancora una volta protagonista di un progetto europeo, Erasmus Plus KA2 Cooperazione per l'innovazione e lo scambio di buone pratiche.

Il progetto “Migration and its cultural effects on Europe“, vede la partecipazione di 5 scuole di differenti paesi europei.

  • III Liceum Ogolnoksztalcace im. A. Mickiewicza,Katowice - Poloniacoordinatrice del progetto
  • Sagmalcilar Anadolu Lisesi,Bayrampasa - Turchia
  • I.T.E.T Dante Alighieri Cerignola - Italia
  • Centro San Viator, Sopuerta - Spagna
  • Techniki Scholi Larnakas,Larnaka - Cipro

Il tema è l’immigrazione e gli effetti sulla cultura europea. L'attualità di questo progetto ha avuto subito un riscontro positivo da parte di tutto il gruppo docenti e studenti dell’istituto protesi verso un dialogo interculturale, che può combattere l'ignoranza, il pregiudizio, il razzismo e la xenofobia.

La finalità del progetto è incentrata sulla necessità di promuovere uno spirito di accoglienza e di ospitalità, superando le inutili barriere dell’intolleranza nei confronti delle differenze religiose, linguistiche, razziali e culturali. Gli alunni lavoreranno in gruppo per fare ricerche sul tema dell’emigrazione, le sue origini e i pregiudizi antichi e moderni. Saranno prodotti saggi, reports, videos, un giornalino ed un ricettario, che aiuteranno tutti a confrontare e ad avvicinare le diversità perché in fondo" We are different, we are same….”

Tale progetto, prevede l’ospitalità degli studenti in famiglia durante i meeting transnazionali. Tutto ciò per permettere agli alunni di entrare in contatto con altre realtà europee, conoscere culture, tradizioni e stili di vita, apprezzando il valore della diversità. Queste esperienze favoriranno, inoltre, l'uso della lingua inglese come mezzo di comunicazione e rafforzeranno la conoscenza di mezzi informatici come l'uso della piattaforma e.twinning e il sito web dove saranno documentate tutte le attività.

 
 

 


 

 

 

ERASMUS PLUS KA2

MIGRATION AND ITS

CULTURAL EFFECTS

ON EUROPE

DIGITAL BOOK

TRANSNATIONAL

MEETINGS

2017/2019


Allegati:
File
Scarica questo file (digital book erasmus.pdf)Digital book

It’s time to say good bye

 

From 10th to 14th June 2019 I have been in Istanbul at Sagmacilar Anatolian High School for the last transnational meeting. On Tuesday 11th all the participants partners were welcomed at school by our Turkish ones and students. At first we visited the school principle who delighted with a lovely cup of Turkish coffee. We visited the school and the Erasmus corner ,guided by Turkish students.

Then that we met at the conference room where students showed us their presentations. After that we had tea break and started the teachers’ meeting on final report mobility tool filing , final report compilation and Italian Erasmus Plus digital book delivery. Afterwards we left the school for lunch.

In the afternoon we had a stunning Bosphorus Tour and spice Bazaar visit. At last we had dinner at a typical restaurant with a breathtaking panorama of the city.

On Wednesday all the partners left the hotel for visiting Taksim Square, a leisure district famed for its shops and restaurants. It is considered the heart of modern Istanbul. Then we visited Galata Tower, built in the 14th century and it is 66.90 metres tall. It was used as a prison and a fire tower during the Ottoman era. Today tourists can observe the monuments that sit on the seven hills of the historical peninsula. After the lunch we visited Dolmabahce Palace, built in 19th century is one of the most glamorous palaces in the world.It was the administrative center of the late Ottoman Empire and the last Ottoman Sultans was residing there.

In the afternoon we went to Ortakoy, its Turkish name and position suggests somewhere in the middle, in fact it resembles a string of villages. There is the beautiful Ortakoy Mosque, a neo Baroque building, right on the waterfront. Another must try in Ortakoy is the baked potato, “ Kumpir”. It is a giant potato baked in the oven, then stuffed with an astonishing amount of different fillings.

At last we had a walk to Sultanahemet Square. It’s the most famous square located in the old city, surrounded by mosques, the sign of the square is Costantine’s obelisk.

In the evening we tasted local Turkish dishes in typical restaurant.

On Thursday we took a full day trip visit on Princes’ islands. They are a chain of nine rather small islands in the Sea of Marmara. They evolved from a place of exile during the Byzantine era, to a popular destination for tourists and now Istanbulites alike to escape the hectic city life for a day. Of those nine islands only four of them are open to the public. We visited Buyukada, the biggest and most popular. It was an oasis of peace and quiet where horse-drawn carriages and bicycles are the main transportation means. We climbed from the base to visit the very small Aya Yorgi church surrounded by a gorgeous scenery.

In the evening we had our farewell dinner with the certificate of attendance delivery. The perfect ending to this memorable and last transnational meeting. This European interaction have fostered learning and encouraged our social cohesion. All of us have raised cultural awareness of international opportunities both for students and teachers.

Erasmus Plus Project has offered us a great opportunity to build relationships with people from other cultures. Its international spirit has been for us a concrete and tangible experience to reflect how our European heritage is a possible basis for a fair society.

Cerignola,19-06-2019

The teacher
Teresa Conte

Allegati:
File
Scarica questo file (Istanbul report.pdf)Istanbul report

Invitation letter from Turkey for the last International meeting

Lettere di invito al meeting transnazionale Istanbul (Turchia)

Allegati:
File
Scarica questo file (Davetiye İtalya.pdf)Davetiye İtalya

It’s time to say GOOD BYE

One of the last meeting was organized by the Polish partner school III Liceum Ogólnokształcące im. A. Mickiewicza in Katowice.

From the very beginning all students and teachers were taking part in all planned activities. The whole week was full of workshops, presentations, trips and folk songs and dances.

The first day was full of presentations during which all students presented the results of their previous work. We saw the school, met students and teachers, got familiar with the city.

The following days were full of adventures. We visited Wieliczka – a salt mine and Krakow – a tour through the old city, the castle and the square market. We had the chance to see a historic silver mine in Tarnowskie Góry and had barbecue near the beautiful forest in the forester’s lodge.

During the last day we had the chance to see a folk group which presented some Polish songs and dances, take part in the second part of workshops during which we finished the glossary booklet, spend last minutes together.

Even though it is the end of our project and the time to say “good bye” is closer and closer we will remember everything we were thought, all places we had visited and what’s the most important we will remember PEOPLE – students, teachers, tutors, migrants. Their stories and gained experience will stay with us forever and the cooperation among US young people will last for years. 

 

   

 

 

Diario di bordo

Erasmus Plus Project

Katowice

Meeting 2nd - 6th April 2019

 

FIRST DAY
8.45 meeting with the students, professors of the various groups, after an initial speech by the Polish coordinetor presentation of the birth of Poland with various photos and videos. 10.30 am coffee break. after the break, visit of the school and presentation of the typical Polish dance (Zuzia). after lunch meeting at school for the rst workshop, create an "intolerance" poster. Workshop "what is racism?" at 5.00 pm end of the day and return home with host friends. The first meeting was very exciting because the people we met were welcoming and friendly.

SECOND DAY
7.45 Meeting at school, visit to historical heritage from the "UNESCO" list a whole day trip to Wielicka(salt mine). Lunch in the restaurant in Wieliczka. After lunch city tour in Cracow and visit to the Saint Mary Basilic and Cathedral of del Wawel. Return to Katowice at 7.30 pm and free evening.

The Wawel Cathedral - the complete wording of the Cathedral Basilica of Saints Stanislaus and Wenceslaus is the national shrine of Poland. It was the cathedral in which the coronations of Polish kings were traditionally celebrated and is the mother church of the Archdiocese of Krakow. It stands on the Wawel Hill, south of the historic city center. 

THIRD DAY
9.15 Meeting at school. 9.30 tour in silver mine (Tarnowskie gory) underground river. Around 13.00 lunch in the forest. Free afternoon. and at 20.00 greetings dinner. Exploration in the salt mine was really strange because we found ourselves more than 100 meter below ground exploring a historic and ancient mine.

The "Wieliczka" Salt Mine is one of the most valuable monuments of material and spiritual culture in all Poland, registered on the UNESCO list of Cultural and Environmental Heritage. Every year the mine is visited by over one million of tourists from all over the world. 

FOURTH DAY
8.45 meeting at school. Workshop and presentation of the works and posters made by the various nations. There was a small presentation of typical folk dances with certificate delivery and farewell.

FIFTH DAY
8.00 am meeting at the hotel and visit to Auschwitz. Free Afternoon, and baggage preparation. During the visit to the camp we felt very sad living again the suffering that the deported people felt.

Auschwitz Birkenau, German Nazi Concentration and Extermination camp (1940-1945). 

 

 

 

Erasmus Plus Project has offered a great opportunity to build relationships with people from other culture. Its international spirit has been for us a concrete and tangible experience to reflect how our European heritage is a possible basis for a fair society.

Thanks for everything

 

Lavori sulle identita' culturali diverse e una società piu' giusta

Lavori realizzati dai ragazzi del corso di Grafica - classe 5AG del nostro Istituto per la competizione sulla realizzazione di POSTERS sul tema "Uniti nella diversità" 

Meeting in Polonia

Lettera di invito per la partecipazione al meeting transnazionale a Katowice- Polonia dal 31 al 6 aprile 2019

 

Allegati:
File
Scarica questo file (Nowy Dokument 2019-03-22 07.23.43.pdf)Nowy Dokument

TRANSNATIONAL MEETING IN BILBAO 5TH-9TH NOVEMBER 2018

ERASMUS PLUS PROJECT KA219 “ Migration and its cultural effects on Europe”

5th November 2018

We have met all, guys and teachers at the Spanish Institute “ San Viator” at 9.30 a m. The headmaster Luciano Cearsolo and the Spanish teacher Ane, have given us a warm welcome. Then students danced typical Basque dances . We visited the school with all its laboratories where the students work. The job of the students is to repare broken cars like a mechanical workshop. I think that it's a good think to train at school because it is a great opportunity for students learning real job. After, we took the bus and we went to Bilbao where we walked visiting the city with an interesting guide.Afterwords we had lunch in a typical restaurant. After lunch we kept on the tour around Bilbao city. We walked on the Zubizuri bridge. This bridge was built on the Nervión river and it was designed by the architect Calatrava. Crossing the river we could admire definitily all the beauty of the city with its skyscrapers and modern buildings.

               

We could see also the part of the old city and its old buildings.

The tour with the guide finished in front of the Guggenheim museum, a fantastic one full of contemporary art works. In the square is situated a big sculpture all made with flowers that represents a big dog, called Puppy. In the Guggenheim museum there are artworks by Van Gogh ,Picasso, Andy Warhol and other important artists.

In the evening we had dinner all together in Bilbao at La Mary restaurant where we tasted typical Spanish dishes.

6th November 2018

We catched metro to arrive in Portugalete, a little town near Sopuerta. We visited the Cultural Centre Santa Clara where we met many migrants. They told us their stories and we shared their experiences as migrants. Then each local NGO showed us their host programmes for refugees and immigrants. They introduced a football team all composed by foreigners. Then we went to the town hall and we met the mayor Mr. Mikel Torres Lorenzo.

After this meeting all Erasmus Group moved for a guided visit around Portugalete and visited the Bizkaia Bridge – Unesco World Heritage. The guide told us many information as the origin of the town name. Afterwards we had lunch, then we had free time we spent at the shopping center of the city with our European friends. At last we met again at 8 to have dinner.

        

7th November 2018

On Wednesday we met in Bilbao and then all partners with students catched the coach to get to Zumaia where we had a boat tour admiring the Basque Coast Geopark , known because it is an Unesco World Heritage. Then we walked through the Flysh on foot. The coast is 14 kilometers long and really amazing. After this we visited an important beach in the country that was formed by the fall of a large meteorite during the dinosaur era giving rise to the birth of mammals. And this meteorite has made an important material that can only be seen on this point of the earth called iridium. Afterwards this incredible visit we ate all together. Later we took the bus and went to the bay of San Juan de Gaztegulatxe.It was a great adventure to walk along that path , climbing 241 steps surrounded by a breathtaking view. Finally we reached the church.

8th November 2018

We met in Bilbao at 9. 30 a.m. and went to visit the diocesan organization Caritas Bilbao. Ms Susanna explained us about the aims of the association, they had 1 600,00 euros last year and thanks to all this money they helped a lots of immigrants. Now they are developing a project that consists in helping foreiners families and their children. Then we did a role play , so we tried to be migrants that want to leave from their countries facing various issues.

After we attended about the Spanish laws on immigration and refugees.

The association helps the immigrants for residence permission or passport, documents etc. Later we visited other international organization for immigration and visited some of the places where they work too.

This association helps people that used drugs, prostitutes and others with different social problems.

      

We had lunch and after we had free time.

At 17.00 we went to the Basque Museum. This ancient building was the first Jesuit school in the world. We saw all the traditions of the old citizens that lived in this area as farmers , fishermen.

        

In the evening we had free time.

9th November 2018

On Friday we went to school and we made different activities. First we had an Eurovision contest. It was a funny competition. Each country sang a traditional song , then every group showed own presentations.

We Lived an unique and exceptional emotion. While teachers met together , we worked on posters and questionnaires

After we came back home to have lunch with our host families. At last Erasmus group met in the evening in a typical restaurant for the farewell dinner and certificate of attendance deliver ceremony.

Gli alunni:
Russo Daniel VAG
Donofrio Francesco VAG
Lavacca Martina IVAT

 

Presentations in Bilbao short exchange 5th-9th November 2018

 

Status quo of migration

 

What makes us different?

 

 

 Meeting in Bilbao - VIDEO

Migration and its cultural effects on Europe

Gli studenti Martina Lavacca (4 A Turismo), Daniel Russo e Francesco Donofrio (5 A Grafica) con i docenti i Teresa Conte , coordinatrice del progetto e Nunzia Terlizzi hanno preso parte al meeting transnazionale dal 3 al 10 novembre 2018 insieme ai partners Spagna, Polonia, Turchia e Cipro, vivendo una settimana intensa, piena di attività incentrate sul tema della immigrazione, e momenti indimenticabili.

Visite guidate nel centro storico, il "Casco Viejo" di Bilbao e al Museo Basco, alla scoperta della cultura autoctona, dello stile di vita, delle attività produttive, della gastronomia della regione basca ci hanno svelato tradizioni, modo di vivere e consuetudini della gente del "Norte" della Spagna.

Durante la settimana del meeting abbiamo partecipato a seminari , incontri con la Caritas di Bilbao e con le associazioni locali che si occupano dell' imtegrazione dei migranti. Gli studenti hanno lavorato con role-play, dibattiti, saggi, presentazione di lavori in forma multimediale e posters sul tema dell' immigrazione, in collaborazione con gli studenti europei partners e insieme ai volontari, agli operatori delle associazioni che si occupano di immigrazione. I nostri ragazzi hanno avuto la possibilità di confrontare l' approccio al fenomemo dell'immigrazione in Spagna e in Italia, allargando il proprio orizzonte culturale e perfezionando l'uso della lingua inglese, utilizzata in ogni situazione.

A Portugalete, città famosa per il "Bizkaia Bridge" (Patrimonio Unesco), accolti dal sindaco nel Palazzo di Città, abbiamo avuto modo di visitare il centro storico e di condividere nel Centro Culturale "Santa Clara" le esperienze di varie associazioni, come NGO-BAOBAB, ABIA MUNDURA, IDENTIBUZZ etc., che si occupano di svariati programmi di accoglienza per i rifugiati, di volontariato a livello multiculturale e contro gli stereotipi.

Indimenticabili la visita al Geopark di Zumaia, Patrimonio dell' Umanità, situato sulla costa basca e alla suggestiva Chiesa di San Juan Gatzelugatxe, costruita in cima ad un alto isolotto collegato alla terraferma da un istmo e da un percorso trekking tra i boschi e che sale su fino alla chiesa con 241 gradini affacciati sul mare. Panorama unico, con il rumoreggiare assordante delle onde che si infrangono sulle alte coste frastagliate.

Esperienza a tutto tondo, immersi totalmente nella cultura basca e nello studio del complesso fenomeno della immigrazione, che ha arricchito i nostri studenti e noidocenti.

I docenti Teresa Conte e Nunzia Terlizzi

Lettere di invito al meeting transnazionale Bilbao ( Spagna)

Meeting transnazionale che si terrà dal o4-11 al 10-11-2018

MEETING TRANSNAZIONALE IN TURCHIA

 

 

PROGETTO EUROPEO ERASMUS PLUS KA2

“MIGRATION AND ITS CULTURAL EFFECTS ON EUROPE”

MEETING TRANSNAZIONALE IN TURCHIA

ISTANBUL 24-28 GIUGNO 2018  

 

L’I.T.E.T. “D. Alighieri”, partner del progetto europeo Erasmus Plus KA2 “Migration and its cultural effects on Europe”,ha partecipato al meeting internazionale, che si è tenuto ad Istanbul dal 24 al 28 giugno 2018 presso Sagmalcilar Anatolian High School. La coordinatrice italiana, Prof.ssa Teresa Conte e la Prof.ssa Sabrina Guglielmi, hanno ricevuto un’accoglienza impeccabile sia da parte del Dirigente della scuola, sia da parte dei partners turchi, sin dal loro arrivo in aeroporto, dove sono state prelevate da un servizio taxi, messo a disposizione della scuola. Il servizio transfer è stato curato dagli alunni della scuola, che in taxi, hanno accompagnato le docenti e tutti gli altri ospiti, in hotel, seguendo il loro crono programma di arrivo.

Le attività in agenda sono cominciate il giorno seguente, con il saluto di benvenuto da parte del D. S. e del suo staff a tutte le delegazioni provenienti dalla Polonia, Spagna, Italia e Cipro.

In seguito abbiamo visitato l’Istituto, sempre accompagnati dagli alunni coinvolti nel progetto, soffermandoci sull’Erasmus Corner, dove abbiamo ricordato i momenti salienti dei meeting precedenti in Polonia, Italia e a Cipro, immortalati dalle foto e dai posters.

La cerimonia è proseguita con la presentazione, da parte degli alunni, della città di Istanbul e della Turchia, commentando dei video, realizzati per l’evento.

Nel pomeriggio tutti i partners si sono riuniti per l’incontro di lavoro, durante il quale si è discusso di tutte le attività svolte durante il primo anno del progetto in questione. Sono stati in seguito elencati i lavori da riportare ancora sulla piattaforma etwinning, ed inoltre, ridefinite le date e le modalità per i prossimi meeting in Spagna, Polonia e Turchia, previsti per la seconda annualità, nonché le varie attività, che ciascun partner dovrà realizzare per raggiungere gli obiettivi prefissati in fase di progettazione.

Conclusa la riunione di lavoro, con la degustazione di un tipico caffè turco, il gruppo di lavoro si è recato in visita presso il Museo Kariye, considerato uno dei più importanti esempi di architettura bizantina sacra. La chiesa ortodossa nel XVI sec. fu trasformata in moschea dai Turchi Ottomani e divenne poi museo statale nel 1948; l’edificio è decorato con mosaici e affreschi bizantini. Successivamente la delegazione ha concluso la serata condividendo la cena, degustando piatti locali.

Il terzo giorno è stato dedicato alla visita di Istanbul, affascinante città dove si incontrano e si fondono la cultura europea e asiatica. Immersi nella cultura bizantina e ottomana, il tour è cominciato dal Museo di Santa Sofia costruita nel 537 dall’Imperatore bizantino Giustiniano. È stata la più grande cattedrale del mondo per quasi 1000 anni. Capolavoro dell’architettura bizantina, dopo esser stata la Basilica di Costantinopoli, fu trasformata in una moschea nel 1453 dal Sultano Mehmet II il conquistatore e poi in un museo da AtaturK nel 1935.

In seguito la visita al Topkapi Palace, residenza del sultano ottomano e della sua corte. Il palazzo ricco di giardini, fontane, biblioteche, scuole e moschee, funzionò come una struttura autonoma, quasi una città dentro la città. La Moschea Blu è uno dei monumenti simbolici della città, prende il nome dalle 20.000 maioliche di tonalità blu, che decorano le pareti interne. Dopo il pranzo, condiviso con il gruppo delle delegazioni, la visita è continuata presso la Basilica Cisterna, altro splendido edificio storico di Istanbul, costruita nel 542 dall’Imperatore Giustiniano, prende il nome dalle numerose colonne di marmo che sembrano crescere dall'acqua. La Basilica è stata successivamente adibita a cisterna, da cui il nome.

Il pomeriggio si è concluso con un giro al Gran Bazar, il mercato coperto più grande al mondo, con più di 4000 negozi, dove è possibile immergersi in un’autentica atmosfera medio orientale. In seguito rientro in hotel e cena con i partners.

Il giorno seguente la visita è proseguita al Maiden’s Tower, costruita nel 1100 e collocata su una piccola isola romantica. Si narrano varie leggende legate a questo incantevole posto, sembra, infatti, essere stata costruita per la figlia di un imperatore, una profezia aveva annunciato che sarebbe stata uccisa da un serpente, così suo padre la rinchiuse nella torre per proteggerla. Sfortunatamente un serpente velenoso riuscì ad introdursi al suo interno, nascosto in un cestino di frutta, portando a compimento la profezia. E’, pertanto, conosciuta anche come la “Torre della Fanciulla”.

Dopo la pausa pranzo, presso un ristorante con affaccio sul mare, il nostro tour si è concluso con una spettacolare traghettata sul Bosforo, meraviglioso lo scenario di palazzi che si specchiano nel blu intenso dello stretto, accompagnato dalla vista di delfini e gabbiani. In serata, a conclusione del meeting, in questo suggestivo posto dove si incontrano da sempre due mondi, due continenti, Europa e Asia, la consegna degli attestati di partecipazione. Un doveroso ringraziamento ai partners- amici della Turchia per la loro calorosa e impeccabile accoglienza e per il clima di positività e armonia che hanno saputo creare.

La coordinatrice
Teresa Conte

 

Cipro……..isola di Afrodite, da sempre crocevia di culture e civiltà

L’I.T.E.T Dante Alighieri dal 16 al 20 aprile 2018 ha partecipato al meeting internazionale nell'ambito del progetto europeo Erasmus Plus “Migration and its cultural effects on Europe”. Le professoresse T. Conte e S. Guglielmi, coinvolte nel progetto con le alunne dell’Istituto A. Gervasio, A. Definis, G. Perrucci e A. Basiliano hanno condiviso questa esperienza entusiasmante e stimolante, sia per gli studenti che per i docenti stessi.

Il meeting si è svolto presso l’Istituto Tecnico di Larnaca, nell’isola di Cipro, dove si sono ritrovate le diverse delegazioni coinvolte nel suddetto progetto, provenienti dalla Turchia, dalla Polonia e dalla Spagna.

Il programma in agenda è stato molto ricco di visite culturali e workshops. Partendo dal centro storico di Larnaca, la visita è proseguita attraverso i monumenti di spicco del luogo, quali la chiesa di S. Lazaro ed il castello medievale, passeggiando poi per il lungomare. Il secondo giorno è stato dedicato alla cerimonia di benvenuto a tutte le delegazioni straniere, da parte del Sindaco e di alcuni ispettori del Ministero dell’istruzione di Cipro. Il gruppo cipriota ha animato la manifestazione con danze e canti tipici, indossando abiti del folclore tradizionale. Il pranzo è stato preparato e servito, in maniera eccellente, dagli alunni dell’Istituto ospitante, presso la sala adibita a ristorante. Il giorno seguente il gruppo erasmus si è recato presso il Dipartimento di Pedagogia dell’Università di Nicosia, partecipando ad una lezione tenuta dalla docente universitaria Dr. Elena Papamichael, sulla Diaspora e, successivamente, un dibattito sul tema del‘Pregiudizio Razziale e Razzismo’, realizzando anche lavori di gruppo. Il tour è continuato con la visita alla capitale Nicosia, ricca di monumenti, quali la Cattedrale ‘Virgin Mary’ in stile gotico, un sito archeologico ed il centro storico. La visita è terminata alla ‘Green line’, cosiddetta ‘Ghost line’, che segna il confine militare con la Repubblica Turca di Cipro, situata a nord dell’isola, che divide, pertanto, la città in due parti. Il giorno seguente gli studenti delle varie nazionalità sono stati coinvolti in un altro divertente workshop, come previsto dal progetto. Ciascuna nazione ha preparato un piatto tipico, al termine di questa interessante competizione, ogni gruppo ha presentato la propria pietanza, al termine di questa presentazione si è proceduto alla consumazione. Nel pomeriggio ancora un altro workshop dal titolo ‘Use of Empowerment’ presso House of Letters and Art tenuto dalla Dr. Dafni Nicolaidou, che ha illustrato alcune tecniche per accrescere l’autostima la conoscenza di sé e del relazionarsi all'altro, allo straniero.

L’ultima giornata si è conclusa con la visita ai siti archeologici di Ancient Amathus e Kourion, in seguito visita al castello di Kolossi e ancora ad un piccolo borgo, Omodos, riconosciuto patrimonio dell’ Umanità.

In serata la cerimonia di consegna degli attestati e i saluti del preside e di alcune autorità locali, sono stati un altro momento di piacevole convivialità all'insegna di uno spirito europeo e di tolleranza tra popoli di diverse provenienze, culture, modi di essere ma con il desiderio di scoprirsi anche molto simili.

L’esperienza del meeting in un paese straniero, grazie alle importanti opportunità date dal progetto Erasmus Plus sono state, ancora una volta, un momento di crescita, di arricchimento e di consapevolezza che, la tolleranza delle diversità, l’abbattimento delle barriere e dei pregiudizi, possono essere gli strumenti giusti per un futuro di pace e di benessere comune.

La coordinatrice
Prof.ssa Teresa Conte

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy